Roche Oncologia
BMS
Novartis
Cortinovis SCLC 2021

Terapia a base di Bevacizumab con o senza Erlotinib dopo completamento della chemioterapia, con Bevacizumab per il trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato


È stato condotto uno studio di fase III ( ATLAS ) per valutare il potenziale beneficio di aggiungere la terapia di mantenimento con Erlotinib ( Tarceva ) a Bevacizumab ( Avastin ) dopo un regime di chemioterapia di prima linea con Bevacizumab per il carcinoma del polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato.

Nello studio, 1145 pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule confermato per via istologica o citologica ( stadio IIIB con effusione pleurica maligna, stadio IV o ricorrente ) hanno ricevuto 4 cicli di chemioterapia più Bevacizumab.

In totale, 743 pazienti senza progressione della malattia o tossicità significativa sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1 a Bevacizumab ( 15 mg/kg, giorno 1, ciclo di 21 giorni ) più placebo o Erlotinib ( 150 mg al giorno ).

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

La sopravvivenza mediana libera da progressione dal momento della randomizzazione è stata pari a 3.7 mesi con Bevacizumab più placebo e 4.8 mesi con Bevacizumab più Erlotinib ( hazard ratio [ HR ], 0.71; P inferiore a 0.001 ).

I tempi di sopravvivenza generale mediana dalla randomizzazione sono stati di 13.3 e 14.4 mesi con, rispettivamente, Bevacizumab più placebo e Bevacizumab più Erlotinib ( HR=0.92; P=0.5341 ).

Durante la fase post-chemioterapia, si sono verificati più eventi avversi generali, più eventi avversi di grado 3 e 4 ( soprattutto rash e diarrea ), più eventi avversi gravi e più eventi avversi che hanno portato alla sospensione di di Erlotinib / placebo nel gruppo Bevacizumab più Erlotinib versus quello Bevacizumab più placebo.

L’incidenza di eventi avversi che hanno portato alla sospensione di Bevacizumab è risultata simile in entrambi i bracci di trattamento.

In conclusione, l’aggiunta di Erlotinib a Bevacizumab ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione ma non la sopravvivenza generale.
Benché generalmente ben tollerato, l’impatto modesto sulla sopravvivenza e l’aumento di tossicità associati all’aggiunta di Erlotinib al mantenimento con Bevacizumab significa che questo regime di mantenimento a due farmaci non porta a un nuovo standard di cura post-chemioterapia. ( Xagena2013 )

Johnson BE et al, J Clin Oncol 2013; 31: 3926-3934

Onco2013 Pneumo2013 Farma2013


Indietro