Novartis
Roche Oncologia
BMS
Lung Unit

Terapia combinata Lomustina - Temozolomide rispetto alla terapia standard con Temozolomide in pazienti con nuova diagnosi di glioblastoma con promotore del gene MGMT metilato


C'è un urgente bisogno di terapie più efficaci per il glioblastoma. I dati di un precedente studio non-randomizzato di fase 2 hanno suggerito che la combinazione di Lomustina e Temozolomide ( Temodal ) più la radioterapia possa essere superiore alla chemioradioterapia con Temozolomide nel glioblastoma di nuova diagnosi con metilazione del promotore MGMT.

Nello studio CeTeG/NOA-09 è stato ulteriormente esaminato l'effetto della terapia con Lomustina-Temozolomide nel contesto di uno studio randomizzato di fase 3.

In questo studio di fase 3, in aperto, randomizzato, sono stati arruolati pazienti di 17 ospedali universitari in Germania di età compresa tra 18 e 70 anni, con glioblastoma di nuova diagnosi con promotore MGMT metilato e un punteggio KPS ( Karnofsky Performance Score ) del 70% o superiore.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a chemioradioterapia standard con Temozolomide ( 75 mg/m2 al giorno concomitante alla radioterapia da 59-60 Gy, seguita da 6 cicli di Temozolomide 150-200 mg/m2 al giorno nei primi 5 giorni del ciclo di 4 settimane ) o a un massimo di 6 cicli di Lomustina ( 100 mg/m2 al giorno 1 ) più Temozolomide ( 100-200 mg/m2 al giorno nei giorni 2-6 del ciclo di 6 settimane ) in aggiunta alla radioterapia ( 59-60 Gy ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat modificata, comprendente tutti i pazienti assegnati casualmente che hanno iniziato la chemioterapia assegnata.

Tra il 2011 e il 2014, 141 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ai gruppi di trattamento; 129 pazienti ( 63 nel gruppo Temozolomide e 66 nel gruppo Lomustina-Temozolomide ) costituivano la popolazione modificata intention-to-treat.

La sopravvivenza globale mediana è migliorata da 31.4 mesi con Temozolomide a 48.1 mesi con la combinazione Lomustina e Temozolomide ( hazard ratio, HR=0.60; P=0.0492 per analisi log-rank ).

Una significativa differenza di sopravvivenza globale tra i gruppi è stata trovata anche in una analisi secondaria della popolazione intention-to-treat ( n=141, HR=0.60; P=0.0432 per analisi log -rank ).

Eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati osservati in 32 pazienti su 63 ( 51% ) nel gruppo Temozolomide e in 39 su 66 ( 59% ) nel gruppo Lomustina-Temozolomide.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

I risultati hanno indicato che la chemioterapia con Lomustina-Temozolomide possa migliorare la sopravvivenza rispetto alla terapia standard con Temozolomide nei pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi con promotore del gene MGMT metilato.
I risultati dovrebbero essere interpretati con cautela, a causa delle dimensioni ridotte dello studio. ( Xagena2019 )

Herrlinger U et al, Lancet 2019; 393: 768-688

Onco2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro