Novartis
BMS
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021

Timing della terapia di deprivazione androgenica nei pazienti con carcinoma della prostata con un aumento del PSA


La terapia di deprivazione androgenica è offerta agli uomini con cancro alla prostata che hanno un antigene prostatico specifico in aumento dopo la terapia curativa ( recidiva di PSA ) o che sono considerati non-adatti al trattamento curativo; tuttavia, la tempistica ottimale per la sua introduzione è incerta.

Uno studio ha valutato se la terapia di deprivazione androgenica immediata sia in grado di migliorare la sopravvivenza globale rispetto alla terapia ritardata.

In questo studio randomizzato, multicentrico, di fase 3, non-in-cieco, sono stati reclutati uomini attraverso 29 Centri oncologici in Australia, Nuova Zelanda e Canada.
Gli uomini con tumore alla prostata erano ammissibili se avevano una recidiva di PSA dopo una precedente tentata terapia curativa ( radioterapia o chirurgia, con o senza radioterapia postoperatoria ), o se non erano stati considerati idonei per il trattamento curativo ( a causa dell'età, comorbilità, o malattia localmente avanzata ).

I partecipanti sono stati assegnati casualmente a immediata terapia di deprivazione androgenica ( braccio di terapia immediata ) o alla terapia di deprivazione androgenica ritardata ( braccio di terapia ritardata ) con un intervallo raccomandato di almeno 2 anni, a meno che non fosse clinicamente controindicato.

La randomizzazione per i partecipanti con recidiva di PSA è stata stratificata per tipo di precedente terapia, intervallo libero da recidiva, e tempo di raddoppio del PSA; la randomizzazione per quelli con malattia non-curativa è stata stratificata in base allo stato metastatico; la randomizzazione in entrambi i gruppi è stata stratificata per programma di trattamento previsto ( continuo o intermittente ) e Centro di trattamento.

L'esito primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2004 e il 2012, sono stati reclutati 293 uomini ( 261 con recidiva di PSA e 32 con malattia non-curabile ).
Sono stati randomizzati 142 uomini al braccio di terapia immediata e 151 al braccio di terapia ritardata.

Il follow-up mediano è stato di 5 anni a partire dalla data di randomizzazione.

16 uomini ( 11% ) sono morti nel braccio terapia immediata e 30 (20%) sono morti nel braccio terapia ritardata.

La sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell’86.4% nel braccio terapia ritardata rispetto a 91.2% nel braccio terapia immediata ( log-rank P=0.047 ).
Dopo la regressione di Cox, l’hazard ratio ( HR ) non-aggiustato per la sopravvivenza globale per assegnazione al braccio terapia immediata versus ritardata è stato pari a 0.55 ( P=0.050 ).

23 pazienti hanno manifestato eventi avversi di grado 3 correlati al trattamento.
105 uomini ( 36% ) hanno presentato eventi avversi che hanno richiesto il ricovero ospedaliero; nessuno di questi eventi erano attribuibili al trattamento o differivano tra i gruppi di diverse tempistiche di trattamento.
Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati quelli cardiovascolari, che si sono verificati in 9 pazienti ( 6% ) nel braccio terapia ritardata e 13 ( 9% ) nel braccio terapia immediata.

La ricezione immediata della terapia di deprivazione androgenica ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale rispetto all’intervento ritardato negli uomini con carcinoma alla prostata PSA-recidivato o non-curabile. ( Xagena2016 )

Duchesse GM et al, Lancet Oncology 2016; 17: 727-737

Uro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro