Novartis
BMS
Lung Unit
Roche Oncologia

Tremelimumab combinato con Durvalumab nei pazienti con mesotelioma: studio NIBIT-MESO-1


Tremelimumab, un anticorpo monoclonale anti-CTLA4, inizialmente ha mostrato una buona attività se impiegato da solo nei pazienti con mesotelioma, ma non ha migliorato la sopravvivenza complessiva dei pazienti che non hanno superato la chemioterapia di prima linea o di seconda linea rispetto al placebo nello studio DETERMINE.

Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza di Tremelimumab di prima linea o di seconda linea combinato con Durvalumab ( Imfinzi ), un anticorpo monoclonale anti-PD-L1, nei pazienti con mesotelioma maligno.

In uno studio in aperto, non-randomizzato, di fase 2, i pazienti con mesotelioma pleurico o peritoneale non-resecabile hanno ricevuto Tremelimumab per via endovenosa ( 1 mg/kg di peso corporeo ) e Durvalumab ( 20 mg/kg di peso corporeo ) ogni 4 settimane per 4 dosi, seguito da Durvalumab di mantenimento per via endovenosa alla stessa dose e programma per 9 dosi.

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti con una risposta obiettiva immuno-correlata in base ai criteri RECIST per il mesotelioma pleurico ) o alla versione 1.1 di RECIST immuno-correlata ( per il mesotelioma peritoneale ).

Dal 2015 al 2016, sono stati arruolati 40 pazienti con mesotelioma e hanno ricevuto almeno una dose ciascuno di Tremelimumab e Durvalumab.
I pazienti sono stati seguiti per una mediana di 19.2 mesi.
11 pazienti su 40 ( 28% ) hanno presentato una risposta obiettiva immuno-correlata ( tutte risposte parziali, confermate in 10 pazienti ), con una durata mediana di risposta di 16.1 mesi.
26 pazienti ( 65% ) hanno avuto controllo della malattia immuno-correlata e 25 ( 63% ) avevano controllo della malattia.

La sopravvivenza libera da progressione mediana immuno-correlata è stata di 8.0 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.7 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 16.6 mesi.

L'espressione di PD-L1 del tumore al basale non era correlata con la proporzione di pazienti che avevano una risposta obiettiva immuno-correlata o controllo della malattia immuno-correlata, con sopravvivenza libera da progressione immuno-correlata, o con sopravvivenza globale.

30 pazienti ( 75% ) hanno manifestato eventi avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado, tra cui 7 ( 18% ) hanno avuto eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4.

La tossicità correlata al trattamento è stata generalmente gestibile e reversibile.

La combinazione di Tremelimumab e Durvalumab è risultata attiva, con un buon profilo di sicurezza in pazienti affetti da mesotelioma, il che garantisce ulteriori studi. ( Xagena2018 )

Calabrò L et al, Lancet Respir Med 2018; 6: 451-460

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro