Lung Unit
BMS
Novartis
OncoGinecologia

Vemurafenib nel tumore papillare della tiroide BRAF V600E-positivo metastatico o inoperabile refrattario allo Iodio radioattivo


Circa la metà dei pazienti con carcinoma papillare della tiroide presenta tumori con mutazioni attivanti BRAF V600E.
Vemurafenib ( Zelboraf ), un inibitore della chinasi BRAF oncogena approvato per il melanoma BRAF-positivo, ha evidenziato un beneficio clinico in tre pazienti con tumore papillare della tiroide BRAF V600E-positivo in uno studio di fase 1.
Si è cercato di stabilire l'attività di Vemurafenib nei pazienti con cancro papillare alla tiroide BRAF V600E-positivo.

È stato effettuato uno studio di fase 2, non-randomizzato, in 10 Centri accademici e ospedali in tutto il mondo nei pazienti di età a partire da 18 anni con tumore papillare alla tiroide istologicamente confermato ricorrente o metastatico refrattario allo Iodio radioattivo e positivo per la mutazione BRAF V600E.

I partecipanti non avevano mai ricevuto un inibitore multichinasi mirato a VEGFR ( coorte 1 ) o erano stati trattati in precedenza con un inibitore multichinasi VEGFR ( coorte 2 ).
I pazienti hanno ricevuto Vemurafenib 960 mg per via orale due volte al giorno.

L'endpoint primario era la migliore risposta globale nella coorte 1 ( confermata da 2 valutazioni a distanza di 4 settimane o più ).

Le analisi sono state programmate per avere un minimo follow-up mediano di 15 mesi ( cutoff dei dati nel 2014 ) e sono state fatte in popolazioni di sicurezza, intention-to-treat e per protocollo.

Tra il 2011 e il 2013, sono stati arruolati nello studio 51 pazienti, 26 nella coorte 1 e 25 nella coorte 2.

La durata mediana del follow-up è stata di 18.8 mesi nella coorte 1 e 12.0 mesi nella coorte 2.

Risposte parziali sono state registrate in 10 pazienti su 26 nella coorte 1 ( migliore risposta complessiva 38.5% ).

Eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati registrati in 17 ( 65% ) dei 26 pazienti nella coorte 1 e in 17 ( 68% ) dei 25 pazienti nella coorte 2; i più comuni eventi avversi di grado 3 e 4 sono stati carcinoma a cellule squamose della pelle ( 7, 27%, nella coorte 1, 5, 20%, nella coorte 2 ), linfopenia ( 2, 8%, in ciascuna coorte ) e aumento della gamma-glutamiltransferasi [ GGT ] ( 1, 4%, nella coorte 1, 3, 12%, nella coorte 2 ).

A causa delle reazioni avverse sono morte 2 pazienti nella coorte 2, uno per dispnea e uno per insufficienza multiorgano, ma nessun decesso è stato correlato al trattamento.

Eventi avversi gravi sono stati segnalati in 16 ( 62% ) su 26 pazienti nella coorte 1 e in 17 ( 68% ) su 25 pazienti nella coorte 2.

Vemurafenib ha dimostrato attività antitumorale nei pazienti con carcinoma papillare della tiroide BRAF V600E-positivo, refrattario allo Iodio radioattivo, in progressione, che non erano mai stati trattati con un inibitore delle chinasi.
Questo farmaco rappresenta una potenziale nuova opzione di trattamento per questi pazienti. ( Xagena2016 )

Brose MS et al, Lancet 2016; 17: 1272-1282

Onco2016 Endo2016 Farma2016


Indietro