Lung Unit
Roche Oncologia
Novartis
BMS

Vorinostat nel mesotelioma pleurico maligno avanzato progredito dopo precedente chemioterapia


Vorinostat ( Zolinza ) è un inibitore delle istone-deacetilasi che cambia l’espressione genica e l'attività della proteina.
Sulla base del beneficio clinico riportato nei pazienti affetti da mesotelioma pleurico maligno trattati in uno studio di fase 1 con Vorinostat, è stato progettato uno studio di fase 3, VINTAGE-014, per verificare se Vorinostat, somministrato come terapia di seconda linea o terza linea migliori la sopravvivenza generale dei pazienti.

È stato effettuato uno studio in doppio-cieco, randomizzato, controllato con placebo, in 90 Centri internazionali.

I pazienti affetti da mesotelioma pleurico maligno avanzato misurabile e progressione della malattia dopo uno o due regimi sistemici precedenti erano ammissibili allo studio.
Dopo stratificazione per performance status Karnofsky, istologia e numero di precedenti regimi di chemioterapia, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei trattamenti con Vorinostat oppure placebo.

I pazienti hanno ricevuto per via orale Vorinostat 300 mg ( o placebo ) due volte al giorno nei giorni 1, 2, 3, 8, 9, 10, 15, 16 e 17 di un ciclo di 21 giorni.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza globale e la sicurezza e la tollerabilità di Vorinostat.

Il confronto primario di efficacia è stato fatto nella popolazione intention-to-treat, e la sicurezza e la tollerabilità sono state valutate nella popolazione trattata.

Dal 2005 al 2011, 661 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Vorinostat ( n=329 ) o placebo ( n=332 ) e inclusi nell'analisi intention-to-treat.

La sopravvivenza generale mediana è stata di 30.7 settimane per Vorinostat vs 27.1 settimane per il placebo ( hazard ratio, HR=0.98, P=0.86 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o peggiore per i pazienti trattati con Vorinostat sono stati stanchezza o malessere ( 51 pazienti nel gruppo Vorinostat [ 16% ] vs 25 nel gruppo placebo [ 8% ] ) e dispnea ( 35 [ 11% ] vs 45 [ 14% ] ).

In questo studio randomizzato, Vorinostat somministrato come terapia di seconda linea o di terza linea non ha migliorato la sopravvivenza globale e non può essere consigliato come terapia per i pazienti con mesotelioma pleurico maligno in stadio avanzato. ( Xagena2015 )

Krug LM et al, Lancet 2015;16:447-456

Onco2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro